Re: [Casa Editrice] Porto Seguro Editore

101
Per una volta voglio fare il proverbiale "avvocato del diavolo". Sorvolando sui refusi frutto di un probabile uso scriteriato del correttore automatico (immagino che più che refusi, da come li descrivi tu, si tratti di parole prive di reale attinenza finite nel testo), se fossi un editor (ruolo che sono ben lungi dal ricoprire), non avrei esitato un solo istante a sostituirti tutti i "weekend" col corrispettivo italiano. Personalmente, detesto l'uso di termini inglesi o inglesismi di vario tipo quando è possibile usare il termine appropriato in italiano. Forse, di tutte le correzioni "non autorizzate" nel tuo romanzo, si tratta della più ragionevole. 
Per il resto, spero che con le prossime stampe rimettano tutto a posto. 
In bocca al lupo

Re: [Casa Editrice] Porto Seguro Editore

102
Ti potrei dare ragione, anche se comunque è una scelta stilistica e contenutistica. Il mio romanzo è ambientato a Minneapolis, vengono citati Walmart e altre catene di negozi specifici, parlo in miglia e pollici invece che in chilometri e centimetri, quindi diciamo che italianizzare "weekend" sarebbe l'ultimo dei problemi.
Ma il punto è un altro: se sei un editor e modificarlo è una tua scelta, allora me lo segnali come tutte le altre modifiche! Non è che lo cambi e basta. Ecco perchè ritengo che sia stato eseguito da un correttore automatico a tappeto.

Re: [Casa Editrice] Porto Seguro Editore

104
non capisco molto l'accanirsi nei confronti di questa casa editrice. le persone che se ne occupano, che l'hanno creata, sono motivati, appassionati, seri. sì, vero, chiedono che l'autore gestisca inizialmente un numero di copie, ma la scelta di prenderle in conto vendita (e organizzare magari due presentazioni per venderle) o di acquistarle per conto proprio è assolutamente solo dell'autore. ieri 26, 05, 22, hanno organizzato una cena/festa nella sede della casa editrice. erano invitati gli autori, ma anche gli abitanti del quartiere di porta san frediano, c'era un bel movimento. questa casa editrice cerca di costruire aggregazione tra gli autori stessi e tra gli autori e la CE all'interno del territorio toscano, a me non sembra una cattiva idea, rispetto anche ad altri editori che ho conosciuto. organizzano presentazioni per l'autore dove gli editori cercano di essere sempre presenti.

Re: [Casa Editrice] Porto Seguro Editore

105
robi ha scritto: ven mag 27, 2022 9:06 am non capisco molto l'accanirsi nei confronti di questa casa editrice. le persone che se ne occupano, che l'hanno creata, sono motivati, appassionati, seri. sì, vero, chiedono che l'autore gestisca inizialmente un numero di copie, ma la scelta di prenderle in conto vendita (e organizzare magari due presentazioni per venderle) o di acquistarle per conto proprio è assolutamente solo dell'autore. ieri 26, 05, 22, hanno organizzato una cena/festa nella sede della casa editrice. erano invitati gli autori, ma anche gli abitanti del quartiere di porta san frediano, c'era un bel movimento. questa casa editrice cerca di costruire aggregazione tra gli autori stessi e tra gli autori e la CE all'interno del territorio toscano, a me non sembra una cattiva idea, rispetto anche ad altri editori che ho conosciuto. organizzano presentazioni per l'autore dove gli editori cercano di essere sempre presenti.
Per capirlo basta leggere le testimonianze che precedono. Forse, se anziché spendere soldi in cene, li usassero per pagare le royalties, farebbero miglior figura. Ti consiglio di leggere il regolamento del forum: non ti sei presentato all'ingresso e l'intero post è in grassetto, il cui uso è consentito in casi eccezionali per qualche parola da evidenziare.
Mario Izzi
2025 - Sopravvissuti
(in)giustizia & dintorni
Dea
[/De gustibus non est sputazzellam (Antonio de Curtis, in arte Totò)]

Re: [Casa Editrice] Porto Seguro Editore

106
robi ha scritto: ven mag 27, 2022 9:06 am non capisco molto l'accanirsi nei confronti di questa casa editrice. le persone che se ne occupano, che l'hanno creata, sono motivati, appassionati, seri. sì, vero, chiedono che l'autore gestisca inizialmente un numero di copie, ma la scelta di prenderle in conto vendita (e organizzare magari due presentazioni per venderle) o di acquistarle per conto proprio è assolutamente solo dell'autore. ieri 26, 05, 22, hanno organizzato una cena/festa nella sede della casa editrice. erano invitati gli autori, ma anche gli abitanti del quartiere di porta san frediano, c'era un bel movimento. questa casa editrice cerca di costruire aggregazione tra gli autori stessi e tra gli autori e la CE all'interno del territorio toscano, a me non sembra una cattiva idea, rispetto anche ad altri editori che ho conosciuto. organizzano presentazioni per l'autore dove gli editori cercano di essere sempre presenti.
Nessuno in questa conversazione sta mettendo in discussione la buona volontà della casa editrice di creare una community attorno a sé. Qui si parla di contratti non rispettati, di pagamenti di royalties non avvenuti e di acquisto obbligatorio di copie.
Sul contratto che ho firmato non si parlava di cene e aperitivi, ma di diritti che la casa editrice avrebbe dovuto saldare entro 90 giorni. Sono passati quasi tre anni e non ho visto un centesimo, e come me molti altri autori.
Ecco quello che stiamo evidenziando in questa conversazione. Ed è ciò che un aspirante autore dovrebbe sapere prima di firmare un contratto con loro.
Se uno scrittore è più interessato alle cene e alle feste, è disposto a chiudere un occhio su refusi e correzioni frettolose e a rinunciare agli introiti che per contratto gli spetterebbero, beh, allora Porto Seguro è la casa editrice perfetta per lui.

(Quello del grassetto è un simpatico espediente per attirare il lettore sul post e distoglierlo da tutta la discussione che avviene intorno)

Re: [Casa Editrice] Porto Seguro Editore

108
Mi scuso. Il grassetto è dovuto solo all'inesperienza. Come pure la mancata presentazione. Per il resto avete piena ragione, è un fatto gravissimo non pagare i diritti, fossero anche una somma bassissima, come pure richiedere l'acquisto di copie per essere pubblicati, o imporre all'autore il carico di un numero di copie in conto vendita. Non avevo letto tutti i messaggi e di nuovo mi scuso. Buona serata.
Rispondi

Torna a “Case Editrici da valutare”

cron