Re: [Agenzia] Scritturescriteriate

3
liberanos ha scritto:
Buondì, qualcuno ha avuto esperienza con Scritturescriteriate?
Fanno mediazione editoriale gratuita trattenendo il 10% sui ricavi post-pubblicazione. Mi sembrano meglio di molti altri che richiedono un compenso up-front senza impegno.... Siccome non è tutto oro quello che luccica...

Link:
www.scritturescriteriate.it
Non ho esperienza diretta con quest'agenzia. Sei sicuro che siano "meglio di molti altri"? Non accettano rappresentanza se il testo non è prima editato, da loro e a pagamento. Sono sinceri quando dichiarano che la rappresentanza non è garanzia di pubblicazione. Garantiscono che non proporranno il testo a CE a pagamento (ci mancherebbe!) ma il fatto che nel sito non sia visibile un elenco degli autori rappresentati e delle case editrici che li hanno pubblicati è fonte di fondati dubbi sulla qualità dei loro contatti editoriali, a patto che esistano.  Ma sicuramente editano. Niente di nuovo sul fronte editoriale.
Mario Izzi
2025 - Sopravvissuti
(in)giustizia & dintorni
Dea
[/De gustibus non est sputazzellam (Antonio de Curtis, in arte Totò)]

Re: [Agenzia] Scritturescriteriate

4
Grazie Cheguevara, anche io avevo notato con disappunto la mancanza dell'elenco degli autori rappresentati e delle CE di riferimento. Avendo un dattiloscritto pronto (saggio scientifico) ragionevolmente editato e con giudizio positivo espresso da altra CE con cui non ho concluso, speravo di aver trovato una agenzia che si facesse retribuire con percentuale sulle vendite e non a priori e dunque si impegnasse maggiormente nella promozione... Se invece bisogna necessariamente passare per un loro "editing" a pagamento allora non se farà nulla. Proverò ad approfondire.

Re: [Agenzia] Scritturescriteriate

5
@liberanos Con una ricerca accurata sono riuscito a individuare qualche vera agenzia di rappresentanza, cioè che non ti obbliga a passare per servizi a pagamento, dalla lettura all'editing, per accettare di rappresentarti. Sono mosche bianche, che percepiscono solo la percentuale sulle royalties e su eventuali anticipi, che per un esordiente rappresentano un miraggio. E i loro autori, come è visibile dagli elenchi sul sito, sono pubblicati da case editrici note e di rilievo. Problema: qualcuna è piena e non accetta più manoscritti, per qualcun'altra devi metterti a mezzanotte in punto del primo del mese ad inviare, ma se non sei tra i primi dieci riprova il mese prossimo, qualcun'altra ancora ti risponderà, solo se troverà interessante il tuo manoscritto, entro sei mesi. L'alternativa è provare direttamente con piccole CE. Se l'opera è valida qualcuna disposta a pubblicarti la trovi, poi iniziano un'altra serie di problemi: staff inadeguati, editing inesistenti o discutibili, promozione affidata all'autore, eccetera. E incassare le magre royalties non è scontato. Ci sono già capitato tre volte, cioè sempre, ma malgrado tutto continuo a scrivere. E' una condanna, pazienza, l'importante è partecipare eppoi, che la speranza sia l'ultima a morire è cosa nota.
Mario Izzi
2025 - Sopravvissuti
(in)giustizia & dintorni
Dea
[/De gustibus non est sputazzellam (Antonio de Curtis, in arte Totò)]

Re: [Agenzia] Scritturescriteriate

6
@Cheguevara

Sarebbe utile poter stabilire con un minimo di consenso quali siano queste mosche bianche, perché molte di loro sono delle mosche bianco-nere, diciamo "a doppio binario", che prevedono letture con contributi e non, che contemplano sia rappresentanza che servizi editoriali a pagamento (quella dell'invio il primo del mese, ad esempio, è una di queste ibride, e lancia messaggi promozionali su Facebook alla ricerca di esordienti... roba degna della peggiore editoria a pagamento). Per il resto, oggigiorno trovare una buona agenzia è difficile quanto trovare un medio editore tramite invio spontaneo (e forse più), quindi molto difficilmente un esordiente potrà avere accesso all'editoria di quaità per tramite di una "mosca bianca". Nella maggior parte dei casi, putroppo, rivolgersi a un'agenzia è solo ulteriore tempo perso, per non parlare dell'eventuale denaro. In altri casi, si tratta soltanto dell'equivalente della "vanity press" nel mondo delle agenzie. Bisognerebbe definire questo fenomeno "vanity agency": quello per cui un autore esordiente paga un'agenzia poco qualificata per essere valutato, per poi essere "rappresentato" in una pubblicazione con un editore squalificato. 
Le regole del cavaliere

Re: [Agenzia] Scritturescriteriate

7
@Wanderer Sono d'accordo. Comunque, a parte l'infinitesimale probabilità di riuscire a farsi rappresentare da una "mosca bianca" e l'altrettanto improbabile accettazione di invio spontaneo da una CE di pregio, ed escluso l'esecrabile ed esecrato versamento di oboli, che personalmente non ho mai praticato e mai praticherò, cosa rimane all'esordiente, se non sperare in un colpo di culo (perdonatemi il francesismo, ma quando ce vo' ce vo')?
Mario Izzi
2025 - Sopravvissuti
(in)giustizia & dintorni
Dea
[/De gustibus non est sputazzellam (Antonio de Curtis, in arte Totò)]

Re: [Agenzia] Scritturescriteriate

8
@Cheguevara Concorderai però anche sul fatto che molti esordienti non hanno alcuna cognizione di causa, il che rende estremamente improbabile anche l'eventuale congiuntura astrale positiva: non studiano il mondo editoriale, inviano a casaccio e in modo indiscriminato, spesso anche ad editori che non trattano nemmeno il genere proposto. Molte agenzie editoriali minori - quelle che vendono soprattutto servizi editoriali, e il cui target sono gli esordienti e i piccoli editori - prosperano proprio sull'inesperienza dell'esordiente, ma in sostanza non fanno altro che ciò che l'autore potrebbe fare benissimo da solo, perlomeno nel rapporto con un piccolo editore.
Le regole del cavaliere

Re: [Agenzia] Scritturescriteriate

11
Cheguevara ha scritto: @liberanos Con una ricerca accurata sono riuscito a individuare qualche vera agenzia di rappresentanza, cioè che non ti obbliga a passare per servizi a pagamento, dalla lettura all'editing, per accettare di rappresentarti. Sono mosche bianche, che percepiscono solo la percentuale sulle royalties e su eventuali anticipi, che per un esordiente rappresentano un miraggio. E i loro autori, come è visibile dagli elenchi sul sito, sono pubblicati da case editrici note e di rilievo. Problema: qualcuna è piena e non accetta più manoscritti, per qualcun'altra devi metterti a mezzanotte in punto del primo del mese ad inviare, ma se non sei tra i primi dieci riprova il mese prossimo, qualcun'altra ancora ti risponderà, solo se troverà interessante il tuo manoscritto, entro sei mesi. L'alternativa è provare direttamente con piccole CE. Se l'opera è valida qualcuna disposta a pubblicarti la trovi, poi iniziano un'altra serie di problemi: staff inadeguati, editing inesistenti o discutibili, promozione affidata all'autore, eccetera. E incassare le magre royalties non è scontato. Ci sono già capitato tre volte, cioè sempre, ma malgrado tutto continuo a scrivere. E' una condanna, pazienza, l'importante è partecipare eppoi, che la speranza sia l'ultima a morire è cosa nota.
Posso chiederti i nomi di queste mosche bianche?
Sono settimane che cerco di capire se esistono Agenti Letterari che investono su di te.
Io comprendo che debbano pagare i propri collaboratori e che siamo milioni di scrittori ma non si ha mai la sensazione di avere a che fare con professionisti che non siano squali.

Re: [Agenzia] Scritturescriteriate

12
@steoguitar Il mio post che hai citato risale a sei mesi fa: le "mosche bianche" erano il risultato di una ricerca fatta all'epoca, che non ho salvato. Comunque, basta andare sui siti delle varie agenzie e scartare tutte quelle che propongono servizi a pagamento. Le pochissime che restano sono quelle che puntano effettivamente solo alla rappresentanza. Riuscire a farsi rappresentare da queste è più difficile che ottenere direttamente un contratto con una CE, ma nulla vieta di provarci. Auguri, in ogni caso.
Mario Izzi
2025 - Sopravvissuti
(in)giustizia & dintorni
Dea
[/De gustibus non est sputazzellam (Antonio de Curtis, in arte Totò)]

Re: [Agenzia] Scritturescriteriate

13
@Cheguevara grazie. Le mie ricerche hanno portato a 2/3 agenzie letterarie che operano come si deve. Comprendo che per pagare i propri collaboratori, a causa dell'alto numeri di manoscritti che arrivano ogni giorno, un'agenzia si faccia pagare per leggere. Comunque un paio sembrano valide e lavorano a percentuale sulle royalties. Offrono servizi a pagamento ma la trattano quasi come una cosa distinta.
I miei primi due romanzi li ho pubblicati con piccole CE. Ne sto cercando una medio piccola che però CURI il testo.
A un seminario è stato detto che l'agente che opera a percentuale è sinonimo di valore del manoscritto per cui mi sono messo in moto in questo senso senza però disdegnare l'invio diretto a una CE.

Re: [Agenzia] Scritturescriteriate

14
@steoguitar L'importante è evitare gli esborsi anticipati, a meno che non siano per un servizio che pensi sia necessario. Se cerchi solo la rappresentanza, vietato pagare prima. Se cerchi una valutazione, meglio rivolgersi ai beta-readers, che abbondano. Se pensi di aver bisogno di un editing, ti conviene rivolgerti a un free-lance (ce ne sono anche su questo forum) lasciando perdere lo specchietto per le allodole del "dopo che abbiamo sistemato il testo, lo proporremo alle case editrici con cui abbiamo rapporti". Non farti spremere inutilmente. 
Mario Izzi
2025 - Sopravvissuti
(in)giustizia & dintorni
Dea
[/De gustibus non est sputazzellam (Antonio de Curtis, in arte Totò)]
Rispondi

Torna a “Agenzie”

cron